Buongiorno cari lettori, oggi vi parlo di un piccolo gioiellino “Amore ai tempi del com’era” di Emiliano Gambelli.

Si può morire per amore?

A Ceraunavolta, luogo e non solo tempo, la risposta sembra essere sì. Alla Saluteria del paese i destini degli abitanti s’incrociano per poi svilupparsi in trame vive e narranti, tra pensieri e flussi di coscienza.
Brancolo indaga sulle morti apparenti, Rullino sogna di combattere il sistema e la popolazione attende solo il prossimo funerale. Nel frattempo, il principe Toffolo è alla ricerca del suo azzurro perduto e tutti sembrano aver smarrito il proprio istinto primordiale.
Amore ai tempi del com’era è una favola per adulti in cui potersi perdere tra le parole scritte ma soprattutto tra quelle da scrivere.

L’AUTORE

Emiliano Gambelli nasce. Questo è tutto quello che sappiamo di certo.
Sul suo cammino ha lasciato tracce, orme e ormai.
Troppo tardi, troppo presto e soprattutto. Più in alto ancora poi, nella pila delle sue cose da fare, c’è Il morire – libro postumo della morte che verrà. Di certo.
Sotto, invece, risiede il precedente libro Racconti assurdi ma non troppo (Fucine Editoriali – 2019) e tanti appunti sparsi in giro in attesa di essere ritrovati.

Pagine: 177

Acquistalo qui

Voto: 5/5

Penso che questo sia il libro più strambo mai letto fino ad ora. Lo stile dello scrittore è davvero molto ma molto particolare, non è solo unico nel suo genere a mio parere ma l’originalità della storia si rifà alla quotidianità. 

L’autore è stato in grado di mescolare diversi generi e farne uscire qualcosa di nuovo. La particolarità, secondo me, di questo libro sono principalmente l’uso delle parole. 

Se vi aspettate delle frasi ad effetto o semplici vi sbagliate di grosso. L’autore gioca con le parole ne modifica la grafia cercando di creare delle frasi a tratti ironici ma pungenti. 

Dopo giorni ancora non riesco bene a definire questo libro, vi dico, questa volta, solo di fidarvi e di leggerlo, vi giuro che non ve ne pentirete.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...