Buongiorno cari lettori! Sono lieta di parlarvi di un libro che mi ha davvero colpita! Parlo di “Puoi chiamarmi Noona” di Barbara Ottani.

Virginia Alvisi è fatta di polverose avventure nel deserto, mummie e geroglifici. Negli scavi archeologici, sporca di terra e bruciata dal sole, affoga anni di amore tormentato e disilluso.

A trent’anni lascia Bologna. Con la scusa di una cattedra in università, vola a Seoul per lasciarsi alle spalle un dolore che non le fa più credere nell’amore.

Park Minjun ama la musica, la vive col suo gruppo – gli Shiny Red Jokers – negli stadi gremiti di tutto il mondo. La musica è il suo sogno e il suo rifugio, senza non potrebbe vivere. Per inseguire il suo sogno ha sacrificato parte di sé.

Da inguaribile romantico crede nell’amore, ma a ventiquattro anni non si è mai innamorato.

Le vite di Virginia e Minjun vengono sconvolte per un capriccio del destino; colpa di qualche bicchiere di troppo e il piano sbagliato di un grattacielo dagli appartamenti tutti uguali…

Pagine: 

Acquistalo qui

Voto: 4/5

Potrei leggere questo genere di libri per il resto della mia vita. Barbara scrive davvero molto bene e nonostante nella storia siano presenti alcuni cliché presenti in diversi romanzi d’amore, la sua storia è su un altro livello o meglio nazione. Se siete abituati ai super manzi palestrati o nerd dimenticatevi di loro, questa volta il nostro bel ragazzo è Coreano e fa parte di un famoso gruppo kpop.

Il suo nome è impronunciabile per me, ma si scrive Minjun e tutti gli altri membri sono della sua stessa complessità di pronuncia e di scrittura, quindi capirete se non mi metterò a citarli tutti.

Ora, abbiamo il nostro personaggio maschile, mentre la nostra protagonista femminile è Virginia, lei è più grande, ha dei sogni nel cassetto, esce da una situazione molto particolare, le piace divertirsi un po’ con gli uomini ma di storie d’amore, diciamo che non è tra le più fortunate.

Decide di trasferirsi a Seul, per diversi motivi, tra questi scappare anche dal suo passato. Una volta trasferitasi il divertimento è dietro l’angolo, si ritroverà nella sua stanza diversi ragazzi ubriachi fradici, tutti quanti facenti parte di questa famosa band per errore. Sarà da subito gentile e alcuni di loro la inizieranno a vedere come una sorella maggiore da proteggere. Minjun è il più timido del gruppo, si crea un sacco di problemi e soprattutto non si era mai fatto vedere con una ragazza, un informazione molto utile al fine di capire il suo personaggio.

Tra i due sboccerà finalmente quell’agognato amore, tutti quanti si erano resi conto delle rispettive cotte tranne loro, i giorni passeranno, il loro legame si farà sempre più forte, ma di certo non mancheranno i problemi e i tormenti.

Insomma, una storia un po’ fuori dagli schemi, che mi ha fatto tornare alla mente wattpad e tutta la mia “adolescenza”. Una scrittura semplice e scorrevole. Passerete di certo momenti molto interessanti e spensierati se leggerete questo libro!

Assolutamente consigliato a chi cerca sempre una morale e quel pizzico di romanzo di formazione mascherato da romance.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...