Buon pomeriggio cari lettori! Eccomi qui oggi a parlarvi di “All’ombra della grande quercia” di Christian Malvicini.

Era come se dio avesse fatto un pizzicotto al mondo, sollevando un lembo della sua cruda carne in quella sterminata e nauseante pianura. Era una miracolosa singolarità della natura in quell’immenso vuoto cosmico. La piccola altura era ricoperta da un rigoglioso e variopinto bosco, per niente omogeneo nelle forme e nei colori. Su di essa svettava, imperiosa, una quercia secolare che sembrava protendersi verso il cielo come una mano che chiedeva aiuto al divino.

Ai piedi del maestoso albero, s’intrecciano le vite di alcune persone che sono state sconvolte da un incidente stradale in uno sperduto paesello della Lomellina. Ben presto scoprono di avere in comune più di quello che credono.

Beatrice si troverà a voler scoprire la verità dietro i sorrisi che la circondano. Saverio si scontrerà con le conseguenze delle proprie scelte passate. Mentre Guido affronterà a viso aperto l’abisso e l’oscurità in cui ristagna la sua vita. Per ognuno di loro, l’incidente sarà solo l’inizio di un qualcosa che cambierà per sempre le loro vite.

Pagine: 183

Acquistalo qui

Voto: 3/5

 

 

E’ il primo libro che mi capita di leggere dell’autore, non sapevo bene cosa aspettarvi. Viste le premesse della trama mi aspettavo qualcosa di struggente e destabilizzante e in parte, ammetto che lo è stato.

“All’ombra della grande quercia”, la storia inizia con un evento traumatico di tre diversi personaggi, Beatrice, Guido e Saverio. Tutti e tre percorreranno una strada  di cambiamenti. 

Questo libro penso debba essere letto da tutti, concede diversi spunti di riflessione e pacche sulla schiena. Anche se, senza alcuno scrupolo, di sbatte la dura verità in faccia. Alla fine i nostri protagonisti crescono, maturano e così anche il lettore, tutto questo con alle spalle, sullo sfondo la quercia. 

Ho cercato il significato, non è solo un espediente narrativo, fa dicerto riferito anche a individui di grande saldezza morale o grande forza d’animo, capaci di far fronte alle difficoltà e di sopportare e reagire alle avversità della vita senza lasciarsene abbattere, un po’ come i nostri protagonisti, ma anche forte e maestosa.

Ho trovato molto interessante i “titoli”, passatemi il temine, a fine capitolo, così da sottolineare quanto appena accaduto, e gli inizi in corsivo, incisivi. Non ho trovato molta armonia nella pagina, parlo visivamente, avrei fatto maggiore attenzione alla scelta del carattere da utilizzare, ma sono dettagli.

L’epilogo è stata di una verità brutale e delicata allo stesso tempo, penso sia davvero fondamentale dare una possibilità a questa lettura in attesa che ti stravolga e ti apra gli occhi, e anche tu impari a vivere.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...