A dieci anni dalla prima uscita “Fai bei sogni”, Massimo Gramellini sente la necessità di riscriverlo. Edito Longanesi da cui nel 2016 è stato tratto l’omonimo film con la regia di Marco Bellocchio. Il libro con tratti autobiografici è la storia di un bambino che poi è diventato adulto sopportando e affrontando uno dei più grandi dolori che si possa vivere, la perdita della mamma e il mostro che si annida dietro a tutto, la paura di vivere. Non è di certo un libro che vuole strappare una lacrima, la scrittura di Gramellini è leggera, asciutta e a tratti ironica.

In questa nuova edizione non si trovano solo nuovi capitoli della vita di Massimo, in questi dieci anni sono cambiate tante cose, nel 2019 Massimo Gramellini è diventato papà e questo ha permesso all’autore di riprendere in mano il suo vecchio libro e limarlo, togliere tutto ciò che sembrava in più e aggiungerci quei nuovi passi che ha compiuto. “Sposti la telecamera”, così ha definito l’autore il momento in cui ha ripreso in mano quel libro e ha deciso che doveva “aggiornarlo”.

Continua a leggere qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...