Buongiorno cari lettori, oggi il cielo si tinge di rosa! Ecco a voi la mia recensione su “Polvere tra i raggi del sole” di Stefania Fiorino.

In un mondo in cui ognuno ha il proprio posto, Deb sembra avere perso il suo, nasconde i suoi sogni e le sue insicurezze nel cappuccio di una felpa, e spera che il mondo non noti la sua presenza. Il dolore ha schiacciato il suo cuore già da tempo. Nella stessa città vive Ryan, un ragazzo che ha appeso al chiodo i sentimenti e dedica anima e corpo alla danza, l’unica passione che non è stato in grado di abbattere. Quando, per un caso fortuito, i loro sguardi si incrociano, tutto cambia, lasciando una scia densa di inchiostro al profumo di petali incolti. Deb non sopporta l’arroganza di Ryan, ma nonostante i suoi sforzi, ignorarlo sembra impossibile. Tra i due si instaura un legame così profondo da costringerli ad affrontare le cicatrici che entrambi nascondono da troppi anni. I segreti, il dolore, ogni demone che pareva sepolto, tutto torna alla luce per essere sconfitto, non prima di averli colpiti con dei pugni pieni di spine. Ma se per Ryan quel passato non può più tornare, lo stesso non vale per Deb. Ciò che l’ha quasi distrutta una volta, tornerà per ridurre ciò che resta di lei in polvere. Quella minaccia ha un nome e un volto ben preciso e, forse, la chiave per sfuggire a quel destino è il coraggio di trovare quel posto nel mondo, che per troppo tempo ha rifiutato. Per farlo dovrà rinunciare a ciò che più ama.

Una storia che oltre all’amore, e all’amicizia, propone i valori di una società sempre più macchiata dalla meschinità e dalla corruzione dell’animo umano

Pagine: 373

Acquistalo qui

Voto:5/5

Potrei dilungarmi molto in questa recensione, “Polvere tra i raggi del sole” non è stata una di quelle letture veloci da ombrellone, mi sono assaporata ogni momento. Tra le varie curiosità sui fiori inserite dall’autrice con un nesso logico al fine della trama. Il linguaggio dei fiori è forse uno dei momenti più originali all’interno del romanzo, il lettore può decidere in totale autonomia se leggerli o cercare di darne un senso da solo. Vi consiglio fortemente di non perdevi quei momenti, sono stati fondamentali.

Sono state parti, sublimi, per non parlare della cura del dettaglio, sia durante la scrittura sia per i lettori mentre sfogliava le pagine. L’impaginazione è stata davvero bellissima, da lasciare senza parole.

Penso che Stefania abbia un dono particolare, quello di descrivere le emozioni o meglio tutto ciò che riguarda la sfera emotiva di un personaggio toccandoti il cuore, dandoti una carezza.

La storia che tratta l’autrice, quella tra Deb e Ryan è stata perfetta. Pagina dopo pagina ti ritrovavi coinvolta, come se fossi accanto a loro. Il tutto contornato da momenti ordinari che fanno ancora sperare di trovare amori del genere.

Il romanzo ha per la maggior parte pov di Deb, ma l’autrice ci fornisce delle chicche per entrare anche nella testa di Ryan e ammetto che è stato davvero meraviglioso poter scavare nel suo animo e capirlo più a fondo con i suoi occhi.

Nel complesso, dunque, posso assicurarvi una lettura con non pochi spunti di riflessione e tante emozioni da provare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...