Buongiorno cari lettori! Nuovo giorno, nuova recensione! Oggi parliamo di “Sono qui” di Stefania Salerno.

Trama:

Si dice che un toro vada preso per le corna, ma quando dice “no”, non c’è niente da fare. Si può andargli contro, ma non è detto che se ne uscirà vincitori.Così come quando si prendono delle decisioni e si pretende di controllare la situazione, spesso le cose possono non andare nel modo previsto.Può capitare di fare il passo più lungo della gamba e dover correre ai ripari oppure si può semplicemente sbagliare e poi subire le conseguenze.Per i fratelli Mike e Keith McCoy si prospetta una stagione difficile: un ranch completamente da riorganizzare e tanti progetti in ballo.Mike dovrà fare i conti con le sue rigidità.Keith giocherà improvvisamente un gioco duro, e si troverà a lottare contro situazioni per lui svantagiose, emotivamente pesanti e che lo spingeranno a tirar fuori l’orgoglio pur di raggiungere gli obiettivi prefissati.Daisy sarà ancora dalla sua parte oppure i fantasmi che la turbavano torneranno ad allontanarla? E lui sarà ancora li con lei o sarà altrove?Le scelte di tutti dettate dal cuore e guidate dall’amore riscalderanno gli animi durante il duro inverno del Montana e scontri e malumori non saranno certamente pochi. A vincere sarà ancora l’amore?L’amarezza per non poter essere sinceri e il dover nascondere qualcosa che per l’altro è invece molto importante, faranno da sfondo alle attività del ranch, a serate bollenti e a passioni importanti portate avanti al ritmo dellamusica country.E se poi qualcuno tornasse improvvisamente dal passato?E se qualcosa di così imprevisto invece si rivelasse la cosa migliore che poteva accadere?Come cambierebbero le dinamiche del ranch?Se “Rimani un attimo” vi ha entusiasmato, ora perdetevi letteralmente in questo secondo capitolo della serie Wild Wood Ranch. Insieme scopriremo quanto valore hanno le parole, “Io sono qui” e i gesti importanti che le accompagnano.

Pagine: 473

Acquistalo qui

Voto: 5/5

Recensione:

Il primo volume mi aveva conquistata, questo mi ha confermato tutto ciò che pensavo della storia creata da Stefania. Tralasciando la passione che lei stessa ha per il country e tutto ciò che ci gira attorno, parlando con lei ho avuto modo di vedere Keith e Daisy sotto una luce diversa, reale. Forse è stato anche questo a farmi aprire la bocca e dire… wow!

In questo secondo volume ne succedono davvero tante, troppe a volte. Direi che la mia continua voglia era quella di strangolare qualcuno. Ma allo stesso tempo vediamo un miglioramento, una maturazione non solo nella scrittura ma anche nei personaggi. Faranno i conti con loro stessi, accettandosi senza cambiare di una virgola ma facendo meno cavolate. Si spera…

Inoltre troviamo molto più Mike, il fratello di Keith che già mi aveva conquistato nel primo volume. E’ quel personaggio pacato e controllato, dal cuore tenero e alcuni suoi lati e quel poco che si è visto mi ha convinta ancora di più a vederlo come un ottimo personaggio.

In questo secondo volume, pubblicato pochi mesi dopo il primo, la scrittura è più matura, i refusi sono scomparsi quasi del tutto e i personaggi incontrati nella prima parte della storia fanno i conti con i loro caratteri, crescendo con il passare delle pagine.

Il progetto ormai si sta avviando, anche se con problemi e sacrifici, molti da parte di Keith che fa le cose più pericolose e idiote per guadagnare dei soldi in più. Questo secondo volume è anche spicy, per non dire porno suvvia.

Daisy è sempre una testa di cavolfiore anche in questo secondo volume, ma le sue scelte e i suoi comportamenti sono molto ben comprensibili, anche se a tratti discordanti che induce il lettore a dire wtf?

Insomma un secondo volume con i fiocchi! Non vedo l’ora di leggere il terzo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...