Buon pomeriggio cari lettori! Oggi parliamo di “La masca” di Laura Rizzoglio.

Trama:

Tre Pini, uno scorcio di Langa piemontese del Dopoguerra, una borgata in cui tutti si conoscono tra di loro e dove ancora aleggia il ricordo dei racconti popolari su masche, mascon e maledissiun. Il ritrovamento del cadavere di una ragazzina getta un senso d’impotente terrore su tutta la comunità e mentre gli adulti cercano di fare luce su una cattiveria fin troppo umana, Lorenzo, Laura e la loro banda di amici decidono invece di affrontare la masca, l’anziana tacciata come strega, nel tentativo di avere giustizia per la loro sfortunata compagna di classe, portando alla luce verità scomode e impensabili.

Pagine: 152

Acquistalo qui

Voto:5/5

Recensione:

Mi ero ripromessa di non leggere nulla che potesse turbarmi di notte, questo libro infondo era un giallo dalle sfumature fantasy e non mi aspettavo di rimanere toccata dalla storia.

Angiolina, una bambina viene trovata uccisa, da sempre si dice che lei sia stata vittima del malocchio della masca- una strega che appartiene alla cultura folkloristica del piemonte- e così i suoi amici, nonché gemelli Lorenzo e Laura cercano di scoprire la verità che si cela dietro alla sua morte.

In un turbinio di realtà, menzogne e malelingue, si arriva in fretta alla fine del romanzo, completamente catturati dallo stile chiaro e pacato dell’autrice.

Ho notato una grandissima accuratezza nei minimi dettagli, per far entrare nell’atmosfera noir i lettori, con culture di altri tempi e usi e costumi. Mi era capitato di leggere libri del genere, ma mai nessuno mi ha appassionato come “La masca”. Sarà che tutto è narrato con lo sguardo dei più piccoli e innocenti a renderla una lettura pressoché unica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...