Buongiorno cari lettori! Eccomi qui con una nuova recensione! Questa volta parliamo di “Il diario segreti di Alice” di Giada Menin. 


Trama:

Cosa c’è di più prezioso dei ricordi? Avete mai pensato a come sarebbe scrivere il Diario della vostra adolescenza? Ricordando gli amori passati, le situazioni difficili, i sogni realizzati e quelli infranti, ripercorrendo i momenti più bui, quelli in cui avevate perso la speranza, e donando nuovo ossigeno al cuore ripensando, invece, alle volte in cui avete letteralmente toccato il cielo con un dito. Vi sentite in grado di guardare negli occhi l’adolescente che vi siete lasciati alle spalle, rivivendo le sue stesse paure e lasciandovi trasportare dalle intense emozioni che questo percorso risveglierà in voi? Alice è una donna qualunque, una donna come tante, e a quarant’anni ha deciso di ripercorrere il cammino della sua adolescenza per confrontarsi e fare pace con la ragazza che è stata, accompagnandola nelle esperienze che l’hanno fatta diventare la donna che è oggi. Una storia ispirata a fatti realmente accaduti, dove le gioie di un’adolescente in cerca del suo posto nel mondo si mischiano ai piccoli e grandi dolori quotidiani. Una storia costellata di grandi traguardi e vertiginose cadute. Ciao, io sono Alice e la mia storia potrebbe essere la tua storia.


Pagine:522
Prezzo: 15,00 euro 
Voto: 3,5/5




Recensione:

Alice è una donna ormai, ha 40 anni ma ha dei conti in sospeso con se stessa, la sua adolescenza. Decide così di scrivere un diario, un diario che ripercorre le tappe della sua vita, della sua giovinezza. 

Il libro di Giada potrei definirlo come un viaggio nel passato, un ripercorrere la sua vita da adolescente ricordando gioie e dolori, mettendo un punto alla sua storia per poter continuare nel presente e crearsi un futuro più gioioso e florido. 

La storia vedrà la nostra protagonista, Alice alle prese con l’amore, le amicizie, i dubbi che chi, da adolescente non ha mai avuto (anche ora, direi), momenti difficili da superare ma anche di sogni e ambizioni. 

In 520 pagine circa, l’autrice riesce a  creare un excursus temporale di 20 anni, le descrizioni in questo libro ne fanno da padrone, io non amo le descrizioni troppo prolisse, ammetto che, nonostante l’interesse nella lettura il libro in toto mi è sembrato non finire mai. 

Inoltre l’impaginazione per il formato ebook, a mio parere è davvero pesante da leggere. La mole di pagine non aiuta di certo il lettore ad apprezzare appieno l’opera. Mi sono ritrovata a leggere capitoli interi senza che i miei occhi potessero avere un attimo di riposo, visti i muri di parole che mi sono ritrovata. Sì, le descrizioni sono molte e dunque fermare la narrazione è complicata ma, dopo alcuni punti una linea bianca per farmi sospirare per me, era necessaria. 

Nonostante questo la penna di Giada non delude, con quel carattere delicato e pacato che a mio parere solo lei riesce a dare ai suoi scritti. 

Il romanzo nel complesso è molto introspettivo e potrei anche definirlo di crescita, infondo vediamo la nostra Alice tra i banchi di scuola fino a diventare adulta, ma non è solo la nostra protagonista a crescere, siamo anche noi lettori che alla fine del libro ci ritroviamo con un penso in meno sul petto, inconsapevolmente mi sono fatta un auto analisi e ripercorso la mia adolescenza.

Un libro consigliato a chi ama il genere, le descrizioni, l’analisi approfondita del proprio essere per vedere dove si è arrivati nella vita. 




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...