Buongiorno cari lettori e buon fine settimana tutti, oggi una nuova squisita recensione, perché uso un termine adatto al cibo? Semplice, perché il libro in questione “Ricordati di ridere quando piove cacao” di Elisa Crescenzi non è solo un libro ma anche un piccolo ricettario!

Ci sono ricordi che ci stanno stretti e vorremmo cancellare; altri, invece, vorremmo
tenerli con noi per tutta la vita.

Elena ha trent’anni, un lavoro che non le da soddisfazioni e la mancanza della nonna

ancora troppo vivida nel cuore.

Il Natale alle porte non aiuta il suo umore già precario e, in un attimo di frustrazione,

compie una follia, si licenzia.

Un aereo per Castle Combe la porta nel sogno della nonna, quello che è ormai

diventato anche un po’ suo. Ha tutto l’occorrente per far sì che la ricetta sia

perfetta: un cottage, una cucina accogliente e la voglia di stringere tra le braccia

quel libro di ricette che la nonna non è riuscita a realizzare. C’è solo un piccolo

problema… o meglio, due! Qualcosa nella prenotazione è andata storta e la ricetta

perfetta sta per trasformarsi in un vero disastro. Riuscirà Elena a portare a termine il

suo progetto o “l’inconveniente” di nome Gabriel manderà in fumo i suoi piani?

Benvenuti a Castle Combe, il paese dove le favole prendono vita.

Pagine: 263
Formato: Digitale e Cartaceo
Voto: 🌟🌟🌟🌟🌟

Citazione preferita: Vorrei dirle che era una cosa che facevo sempre con la nonna quando doveva preparare qualcosa. Vorrei dirle che io, in questa cucina, non ho mai cucinato nulla che non mi ricordasse lei. Vorrei dirle che sto per portare alla luce troppe emozioni, ma non lo faccio perché sono quella capace di chiudere tutto in una stanza e buttare via la chiave.
E’ il secondo romanzo che leggo di Elisa, il primo che avevo letto era “Nonostante tutto” che, nonostante i cliché era un buon romanzo, poco pretenzioso adatto a chi volesse passare un bel pomeriggio in compagnia di tante emozioni, amore; insomma è adatto a tutte le persone che vogliono vivere un libro! 

Ricordati di sorridere quando piove cacao non è da meno, ho avuto la possibilità di leggerlo in anteprima e questo ha fatto sì che mi mordessi la lingua più volte quando ne volevo parlare.  

Elena è una protagonista un po’ difficile da argomentare, è testarda, molto legata ai suoi sogni e alla sua famiglia, soprattutto verso la nonna, che le ha insegnato e fatto amare la cucina. Questo forte legame si ripercuote nel romanzo a volte assistiamo a flashback in cui nonna e nipote vivono e amano la cucina con modi diversi, la cara nonna sempre presente, attenta, sempre pronta a strapparle un sorriso. A volte ho pensato di rivivere alcuni momenti vissuti con la mia nonna, penso che, chiunque legga “Ricordati di sorridere quando piove cacao” si soffermerà su questo legame così forte, indistruttibile e capace di sopravvivere anche alla morte. La perdita di una persona cara è difficile da superare ed Elisa è stata in grado con la dolcezza di un buon dolce a farci singhiozzare tra un accenno di un sorriso ed un altro.

Gabiel è il suo problema, la grande parte quanto meno  e per lo più apparente, un errore li fa finire nella stessa casa, dovranno vivere sotto lo stesso tetto. Tra litigi e affetto, tanti momenti dal sapore dolce con il retrogusto aspro, Elisa ci narra come l’uno influenzi l’altro e viceversa, come le insicurezze di uno possano incidere sull’altro, come l’amore può colpire chiunque, anche i cuori nutriti per troppo tempo con il dolore.

Come sempre i dialoghi tra i personaggi sono così reali, quotidiani che a volte si dimentica di leggere un romanzo e si pensa sia la vita vera. 
Per la prima parte del romanzo non sono riuscita molto a ritrovare la penna inconfondibile di Elisa, la sono riuscita a trovare dopo qualche capitolo e qualche ricetta, tanto da fermarmi e pensare “Eccola qui!” 


Tra lacrime, batticuori, aneddoti simpatici della cucina, porte sbattute e forni aperti. Ecco cosa è Ricordati di sorridere quando piove cacao.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...